Contratto di Solidarietà a Comau Grugliasco per l’intero 2018. Sono state definite oggi le condizioni di applicazione del CDS in un incontro tra le Organizzazioni sindacali firmatarie del CCSL e l’Azienda che l’aveva richiesto il 24 novembre scorso a seguito dell’adozione di nuovi parametri di profittabilità del business: la flessione della domanda registrata negli ultimi anni nel mercato e nel business di riferimento di Comau ha determinato una compressione dei prezzi d’offerta e la necessità di adeguamento dei modelli di business ai mutati scenari competitivi.

Sono interessate dal provvedimento le aree Manufacturing, Quality e Purchasing, per un totale di 278 lavoratori e lavoratrici al 50 per cento medio di presenza lavorativa su 1162 addetti totali in Comau Grugliasco al 30 novembre 2017. In questo numero sono inclusi 139 esuberi temporanei. L’Azienda anticipa i trattamenti di integrazione salariale e contributiva alle normali scadenze di paga, per garantire il sostegno al reddito. L’accordo sottoscritto da FIM-CISL, UILM e AQCF-R è stato siglato con l’assicurazione che non ci sarà alcun licenziamento e prevede:

  • la percentuale massima di riduzione dell’orario di lavoro non sarà superiore al 70 per cento con un minimo del 30 per cento di presenza, come già in FCA, ma con un impegno da parte dell’Azienda di stare, nella grande maggioranza dei casi, al 50 per cento di media, considerando il diverso svolgersi delle attività in Comau che non garantiscono un’alternanza di professionalità;
  • a cadenza mensile, entro la prima settimana di ogni mese, sarà cura della Commissione Organizzazione Lavoro-RSA, avanzare la richiesta di verifica con l’Azienda per il rispetto della corretta applicazione delle regole e della pianificazione, al fine di evitare discriminazioni tra i lavoratori;
  • un ulteriore incontro con cadenza trimestrale tra HR e le Organizzazioni sindacali a livello territoriale e di Segreterie, per portare in evidenza all’Azienda le eventuali anomalie e correzioni da apportare alla turnazione, in corso d’opera e sempre a fini di equità;
  • le RSA-Organizzazioni sindacali potranno verificare, in queste occasioni, le percentuali dei lavoratori impattati, tale da poter riconoscere nei ruoli e nelle mansioni assegnate nel periodo, le quantità e tipologie di impegno dei medesimi, in maniera di evitare squilibri di attribuzione del CDS;
  • di far avere ai lavoratori la comunicazione dell’impegno mensile futuro, con le giornate di lavoro e di assenza, almeno una settimana prima dell’attuazione della prestazione, con modalità di comunicazione individuale (lettera o comunicazione verbale) e a cura dei responsabili. In caso di necessità lavorative impreviste, l’Azienda si riserva di comunicare agli interessati la richiesta di presenza almeno 24 ore prima;
  • la possibilità (inserita nell’accordo dall’Azienda) di un’eventuale rinegoziazione e revisione del perimetro e degli orari per i lavoratori impattati, nel corso del 2018 e al variare dei carichi di lavoro;
  • la possibilità, per i lavoratori impattati, di prevedere ricollocazioni, prestiti di attività lavorativa in altri settori Comau o in Aziende del Gruppo, corsi di riqualificazione professionale (senza alcuna integrazione diretta o indiretta). Non è previsto nell’accordo ma, in riferimento alla possibilità di eventuali incentivi all’uscita e per i casi di lavoratori che ne facessero richiesta, l’Azienda è disponibile a esaminare i singoli casi;
  • per la copertura delle giornate pianificate extra azienda, nei termini sopra descritti in ambito di CDS, saranno utilizzate in via prioritaria le ferie residue degli anni precedenti e i Permessi annui retribuiti residui degli anni precedenti così come previsto nel CCSL in caso di contrazione dell’orario di lavoro, (titolo secondo, art. 2). Le RSA hanno comunque richiesto all’Azienda una verifica presso gli enti competenti (Inps) di una eventuale “deroga” per quanto riguarda i Par residui utilizzati dai lavoratori nell’arco dell’anno a salvaguardia dei ratei di maturazione 2018 ferie e Par;
  • Si ricorda ai lavoratori in Contratto di Solidarietà che i permessi retribuiti a recupero su straordinario sono sospesi per tutta la durata del CDS dovendo, tutti, attenersi all’orario senza prestazione straordinaria.

Al di fuori di quello che è l’accordo, si sensibilizzano tutti i restanti lavoratori Comau – come segnale di partecipazione verso i colleghi che sono coinvolti da ammortizzatore sociale – all’opportunità di astenersi, nei limiti del possibile, da ogni prestazione lavorativa di carattere straordinario.

Comau Spa – Grugliasco
Progetta, produce e installa presso il cliente finale, impianti di lastroferratura e sistemi di montaggio, sistemi di lavorazione meccanica e robot industriali per tutti i più importanti costruttori automobilistici europei.

CONDIVIDI