Presentate le strategie di CNHI relative ai plant italiani per il prossino triennio, durante un incontro che si è tenuto oggi a Torino tra i Segretari Generali delle Organizzazioni Sindacali firmatarie del CCSL e i massimi vertici dell’Azienda.

Erano presenti, oltre al responsabile delle Relazioni Industriali di CNHI dott. Vincenzo Retus, il responsabile Emea dott. Derek Neilson e il Ceo di CNHI dott. Hubertus Mühläuser che, nell’introduzione, ha illustrato in sintesi le missioni produttive per le quattro aree di business del Gruppo e ha annunciato che nel periodo 2019-2021 l’Azienda investirà in Italia circa 2 miliardi di dollari, di cui circa 1,5 miliardi in Ricerca e Sviluppo e 450 milioni in impianti e attrezzature.

L’incontro ha evidenziato una situazione diversificata per le aree di business.

Il settore agricolo di CNHI ha consolidato e sviluppato, nel corso degli anni, una tecnologia avanzata in linea con i migliori competitor internazionali. In questo momento i plant italiani risentono di una flessione del mercato dovuta alla bassa domanda, nonostante ciò la previsione è di una probabile inversione di tendenza.

Nel settore powertrain, il graduale processo di elettrificazione sarà più lento rispetto a quello dell’automotive, ma si dovrà comunque affrontare trovando risposte convincenti ed innovative.

Nel settore construction perdura una congiuntura di mercato meno favorevole che vede i siti italiani, nonostante il miglioramento della gamma prodotto, non raggiungere ancora i target di redditività previsti.

Nell’area di business dei veicoli commerciali dunque emerge un contesto diverso tra prodotto leggero, medio e pesante. Per i veicoli leggeri si registrano dei buoni risultati di vendita, per i veicoli medi si riscontra una riduzione del segmento di mercato e per i mezzi pesanti si evidenzia una sofferenza legata alla non ottimale redditività.

Come AQCF-R riteniamo che quello di oggi sia stato un incontro positivo per la decisione di CNHI sul lato investimenti che danno prospettive di crescita produttiva ai dipendenti dei 17 stabilimenti italiani.

CONDIVIDI